Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK

News 2017 le ultime notizie dal mondo del premio solinas e non solo...

DOVE SONO LE LUCCIOLE, di Flaminia Gressi, vince il Premio Franco Solinas 2016 per la MIGLIOR SCENEGGIATURA

23.03.2017
DOVE SONO LE LUCCIOLE, di Flaminia Gressi, vince il Premio Franco Solinas 2016 per la MIGLIOR SCENEGGIATURA

 

ROMA - Si è svolta  al Teatro Eliseo, la manifestazione di premiazione Premio Franco Solinas dedicato alla Migliore Sceneggiatura, che alla sua 31° edizione cresce e si rafforza con il Cantiere delle Storie, laboratorio di Alta Formazione e co-progettazione internazionale guidato dall’Università di Sassari e realizzato in collaborazione con l’Università di Cagliari, Roma Tor Vergata, CINEMED/Festival International du Cinéma Méditerranéen de Montpellier, il Festival del Cinema italiano di Madrid e il Comune di La Maddalena

Gli Autori degli otto progetti finalisti, selezionati dalla Giuria della prima fase del concorso - STEEL PART OF ME di Nicoletta SENZACQUA, 616 di Milo TISSONE, KOLKALAN – IL CONTAINER di Gabriele GIANNI, LA MAZURKA SU ROMA di Cristiano TESTA e Andrea Alberto Alfredo DE MARINIS, L’ESTATE IN CUI SONO MARCITO di Cristiano BRIGNOLA, DOVE SONO LE LUCCIOLE di Flaminia GRESSI, IL MALE MINORE di Giulia Camilla PACE, POSSO PIANGERE 5 MINUTI? di Costanza DURANTE e Laura GRIMALDI - hanno partecipato al CANTIERE DELLE STORIE, tutorati dai Giurati della prima fase,  e sviluppato la prima stesura della sceneggiatura. Le sceneggiature sono state inviate alla seconda Giuria composta da:  Monica Zapelli, Francesco Bruni, Filippo Gravino e Sandro Petraglia che, dopo un’appassionata discussione, hanno deciso di assegnare il Premio Franco Solinas Migliore Sceneggiatura di 9.000 euro a:

DOVE SONO LE LUCCIOLE di Flaminia GRESSI con la seguente motivazione: “Per la capacità di raccontare una storia che ha segnato l’identità civile di questo paese con lo sguardo libero di una autrice di oggi, senza mai appoggiarsi al filtro delle ideologie, senza cadere nei facili ricatti della retorica e affidandosi solo, scena dopo scena, alla forza dei suoi personaggi. Non è il racconto del male che colpisce nel copione, ma quello del bene. Donatella, vittima assoluta, e le donne che decidono di difenderla, vengono restituite alla loro umanità e fragilità, ai nodi irrisolvibili del loro rapporto, stretto tra le esigenze di chi ha bisogno di un simbolo, per una battaglia giusta e necessaria, e l’indomabile irrequietezza di chi, invece, con disperazione e ingenuità, vuole solo essere felice.”

La Giuria ha, inoltre, deciso di assegnare EX AEQUO la Borsa di Studio Claudia Sbarigia di 1.000 euro, dedicata a premiare il talento nel raccontare i personaggi e l’universo femminile, a: IL MALE MINORE di Giulia Camilla PACE e POSSO PIANGERE 5 MINUTI? di Costanza DURANTE e Laura GRIMALDI con la seguente motivazione: “Le protagoniste femminili di questi due racconti sono segnate da ferite antiche o recenti, a volte scoperte, a volte malamente nascoste da cicatrici evidenti. Donne alla ricerca di un respiro, di un suono vitale, anche stonato, ma che sia liberatorio. Donne alle quali viene voglia di dedicare i versi di Patrizia Cavalli: ma per favore con leggerezza raccontami ogni cosa anche la tua tristezza”.

La dotazione dei Premi, e delle Borse di Sviluppo della prima e della seconda fase del concorso sono messi a disposizione dalla Società Italiana degli Autori ed Editori e rientrano nel progetto triennale avviato da SIAE destinato alla formazione e promozione dei giovani autori, a garanzia di un futuro per le nuove generazioni e per tutto il settore dell’audiovisivo.

“Quattro giovani sceneggiatrici vincono i maggiori Premi di questa edizione con storie e protagoniste femminili molto diverse tra loro.  Il Cinema Italiano si arricchisce di sguardi e di talento, adesso cerchiamo registi e produttori” dichiara Annamaria Granatello – presidente e direttore del Premio Solinas.